007 – Missione pesa alla Pesa.

Una squadra coriacea, volitiva, mai doma. Un collettivo non dotato di grandi individualità ma di un solido gioco. Forse non belli esteticamente ma efficaci ed essenziali. Tutto ciò è il Bar alla Pesa, fusione societaria tra il vecchio Azzanello e la casa di riposo “Tramonti sereni” di Pasiano di Pordenone. Solo due cose potevano inframmezzarsi tra loro e i tre punti contro la ViaVerdi, la sfortuna e…

Timoteo

Timoteo

Ma chi è Timothy Dalton? Un amico per le mamme o una iradiddio sulla fascia destra? Probabilmente entrambe le cose. In attesa della carrellata riepilogativa sulla rosa della ViaVerdi, conosciamo da vicino uno degli eroi di giornata, con uno stralcio dell’intervista rilasciata a Ciaknews dal giovane Timothy Dalton, nato a Guantanamo (Pn) nel 2004, alla prima del suo film da protagonista 007- Missione pesa alla Pesa.

Q: Timothy, è vero che quand’eri un neonato tua mamma ti metteva l’aglio nel biberon per trovarti anche al buio?
A: No, è una voce messa in giro da Sean Connery e Roger Moore.
Q: Timothy, lo sapevi che le sopracciglia di Niki Lauda non sono mai ricresciute?
A: Chi?
Q: Timothy, è vero che nel 70 d.C. Paolo di Tarso ti ha eletto vescovo di Efeso?
A: No, è una brutta carognata detta da Daniel Craig.
Q: Timothy, con chi vuoi dividere i meriti per il tuo gol?
A: Con il portiere avversario, Eupremio Ruggiero.

Ma non è solo Timoteo l’eroe di giornata, il premio Hombre Vertical goes to…Mirco Babuin. Se cerchi Babuin su google immagini esce questo:

Mirco Babuin da una foto d'archivio di un autovelox.

Mirco Babuin in una foto d’archivio di un autovelox a Fagnigola.

Con il rigore parato ieri sera nei minuti finali di Bar alla Pesa – ViaVerdi 3-4 Mirco Babuin supera Gianluigi Buffon come rigori parati in carriera (3). Sul ribaltamento di fronte post rigore, la ViaVerdi segna con Timothy Dalton . Ma chi è Timothy Dalton? Un amico per le mamme o una iradiddio sulla fascia destra? Ah no, già fatto.

L’antitabellino e le Antipagelle

Bar alla Pesa – Via Verdi 3-4 Zoia (BaP), Trevisan (VV), Sutto (BaP), Andriani (VV), Valeri (BaP), Antonino (VV), Dalton (VV).
Spettatori: non credo ce ne fossero perché il campo di Azzanello veniva usato dagli Americani per i test nucleari. E poi il terreno di gioco dà su ettari di palude.
Note: Trevisan sul primo gol della Viaverdi scivola, colpisce il pallone a campanile, la palla prende una strana traiettoria, batte sulla traversa e sulla schiena del portiere per l’1-1. Ho visto una sola volta un gol del genere: Lorient-Ajaccio su Pes. Trevisan ha avuto la decenza di non esultare. Il gran gol di Antonino viene vanificato da una partita folle e rischia l’oblio. Salviamo i gesti tecnici dall’estinzione! Babuin festeggia con un rigore le sue 16.000 presenze con la maglia neroverde. Ma apriamo il televoto: Mirco Babuin è più bello o più bravo?
Note aggiuntive: datemi il nome dell’architetto che ha pensato gli spogliatoi del campo di Azzanello. Mi serve per la cuccia del mio cane invisibile.

Babuin: sembra la versione barbuta di Milagros con Grecia Colmenares.
Krasilnikov: dichiara: non ho mai avuto un infortunio muscolare perché bevo tanta birra (non è uno scherzo)
Siddi: a 62 anni corre come un regazzino delle medie-inferiori.
Baz: reduce dal terzo tempo di Bannia, dal quale non è mai tornato.
Cataldi: la peperonata alle 18.30 non è stata una grande idea.
Cieol: fa legna in mezzo ma a volte la lascia lì.
Mior: non nella miòr condizione. Esce per omosessualità a fine primo tempo.
Timmy: ce l’ho nel fantacalcio csi.
Andriani: si becca un giallo per aver elencato tutti i codici iban dei parenti di un avversario reo di un fallaccio a metà campo.
Trevisan: la madonna di Lourdes avrebbe dichiarato che lei un gol del genere non sarebbe riuscita a farlo.
Antonino: un gol di pregio. Da antoniologia.

Di Benedetto: si guadagna la vita eterna con un disimpegno di tacco fallito al limite dell’area che ha raccolto le bestemmie d’acciaio di una intera squadra amatoriale.
Lo Coco: perno inamovibile.
Del Col: ancora da rivedere l’intesa con se stesso, ma si sta ambientando.
Ferdinand: eccetto un paio di disimpegni falliti, qualche irruenza di troppo, un cross direttamente sul fondo ed un rigore per un fallo di mano nella propria area, non ha fatto male. Avercene con quella grinta.
Devid Alba: Rientra in campo dopo l’amputazione delle gambe, non se la cava male.
Bergamasco: entra e segna. E anche se non è andata così è andata così.

E ricordate il motto del Sarone: Andone? Restone? O cossa fone? 

Annunci

One comment

  1. Bareta · ottobre 22, 2013

    missione compiuta…o per meglio dire l’operazione è riuscita (3 punti in saccoccia) ma il paziente è morto…
    risultato 3+4 quindi il nostro 007 di maglia 18 alla 1 da titolare segna e porta in gloria (che poi non è ancora presentata questa cheerleader….) la ViaVerdi.
    Partita carica di emozioni e di atleti (anche loro sbronzi) per una tiepida serata di ottobre che non ha smentito le aspettative della vigilia, di natale, con dei gran bei regali delle difese…
    P.S.: dopo la partita è consuetudine in quel di Azzanello sacrificare un maiale nella zona spogliatoi, come dimostrato dalla superba architettura degli stessi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...