Il mondo sotterraneo del calcio amatoriale.

Che non vi pensiate, siccome Mauro Bergamasco è diventato uno star grazie a questo blog, che tutto il calcio amatoriale goda della stessa popolarità. Il mondo sotterraneo del calcio amatoriale è fatto di personaggi truci, battaglie di fango, rosari di blasfemie e zoccole portatrici del virus del vaiolo. Spogliatoi scalcinati con annessa corrida di verruche, doccia giazza da tubi che ti guardano con l’occhio della ruggine. La pompa a risorgiva per netarse i scarpez, manco un angolo di panca per spogliarsi, Yury Krasilnikov, giocatori capelloni from another age. Ma il calcio è composto dalle squadre e dai giocatori che le formano e le fondano. E la Sizza vuole omaggiare coloro che perpetuano, ad ogni livello, il sacro rito del calcio. Quindi ecco una carrellata delle 10 migliori società, che si sono scelte, chi con notevole ironia, chi con delicato gioco fonetico, il miglior nome.

La ViaVerdi, in realtà, è fuori concorso. Vorrebbe indicare la Via, di Fiume Veneto (Pn), dove la squadra si allena, ma non gioca e dove ha la sede sociale. Quando invece le partite interne, si sa, le giochiamo al Dei Pioppi di Bannia (Pn), perché siamo dei rejetti. Il nome indica, barbaramente, la nostra provenienza.

In regione le leghe amatoriali si sfagiolano che è un piacere. Nella sola provincia di Pordenone ci sono due leghe diverse, con connesse serie A e B: l’onniveggente C.S.I. e Gli amici del Calcio. Senza scordare l’ingombrante presenza della tradizionale FIGC, che possiede una serie A regionale e una serie B divisa in due gironi territoriali (una versione miniaturizzata della vecchia C1, ma piena di pedate). Per completare la serie, manca all’appello l’Eccellenza Collinare (LCFC), che comprende gran parte della zona del Friuli che si estende ad ovest da Maniago e Spilimbergo, ad est fino al cividalese e poi a nord nella Carnia più petrosa. Dovrebbe essere divisa anch’essa in due gironi A e B, ma su Friulingol la classifica del girone B non si trova.

La Classifica*

1° Cappella Maggiore
Capisco che il paese si chiami così, ma la fantasia non avrebbe potuto superare la realtà. Rimane da capire se per Cappella Maggiore si intenda una cosa sulla falsa riga di grandi e piccole labbra.

2° Vecchio amore Montereale
Una seconda posizione che premia la nostalgia e il campanilismo. Allenarsi a Montereale dev’essere una tortura.

3° Carosello
Pippo Baudo.

4° Camolli
Che è quel panino che ordini sempre all’autogrill di Limenella. Senza trattino-Casut non rende uguale.

5° Haiducii
Che è questa qui:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

O sono fans della Dragostea, oppure la provenienza dei calciatori si svela da sé.

6° Cerneglons
Capisco che, anche in questo caso, la realtà superi la fantasia, ma è sempre bello sapere di non abitare a Cerneglons (UD).

7° ValColvera
Qui premiamo la toponomastica geo-territoriale. Effettivamente la Val Colvera è dopo la galleria di Maniago PN), è come entrare a Narnia. O in Carnia, che dir si voglia.

8° Inter San Sergio
Nello storico campo di San Sergio (Ts), completamente rifatto in sintetico negli anni in cui non si sapeva ancora se il sintetico fosse cancerogeno, i Sansergini si scelgono l’epitome della squadra italiana per eccellenza: l’Inte.

9° Nicola’s dream
Non sappiamo precisamente quale sia il sogno di Nicola, ma sappiamo che è di Nicola.

Inclassificabile° Am.C.Milan club
Premio pernacchia d’oro 2013. Come si fa ad avere così poca fantasia e così poca personalità?

Vince tutti i premi nella categoria futsal l’Athletic Bulbao

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...